Senza categoria

I 5 videogiochi più metal di sempre

Videogame
Send to Kindle

Musica e videogiochi sono sempre andati a braccetto. Le colonne sonore all’interno delle ultime produzioni videoludiche sono diventate sempre più una parte fondamentale – tanto che c’è chi ne ha fatto una specializzazione: ad esempio Junkie XL, produttore e polistrumentista olandese (con un passato metal, avendo prodotto tra gli altri ‘Almost a Dance’ dei The Gathering e avendo formato la band industrial metal Nerve a metà anni novanta), che negli ultimi vent’anni ha contribuito a decine di titoli, da Forza Motorsport, a Burnout, a Need For Speed, tanto per citarne alcuni. Sono parecchi i videogame che hanno attinto al repertorio rock/metal per rinforzare le proprie musiche, ma c’è anche chi si è spinto oltre, andando a pescare a piene mani a tutto l’immaginario che si nasconde dietro il genere; o addirittura crendo lavori dedicati esplicitamente a band o musicisti: è recente la notizia della creazione di un pacchetto di espansione di Victor Vran, un gioco RPG d’azione, interamente dedicato ai Motörhead, in occasione del 40° anniversario della band, che si intitolerà “Motörhead Through The Ages”.

Visto quindi lo stretto connubio, quali sono i videogiochi più metal mai prodotti negli ultimi annio? Andiamo a scoprirne 5 che si candidano senza dubbio alle prime posizioni:

  • Devil May Cry 3
    Devil May Cry è un titolo che si è guadagnato moltissimi fan nel corso degli anni: un hack and slash tutto azione e avventura, nato come seguito di Resident Evil e poi sviluppatosi in proprio. Il terzo capitolo della saga in realtà è un pre-quel nella successione degli eventi e narra gli eventi della giovinezza del protagonista, Dante. Come tutti gli hack and slash che si rispettino, Devil May Cry 3 vi darà la possibilità di mietere quantità enormi di vittime sfruttando le varie combo e armi a disposizione, armi tra cui figura anche… una chitarra. Con tanto di intermezzi animati che non potrebbero essere più metal. Anche la colonna sonora non scherza, con alcuni brani particolarmente ‘ruvidi’ – sono coinvolti gli Hostile Groove, band metal presente anche in altri videogame come Dead Rising.

 

  • Guilty Gear
    Guilty Gear è un gioco di combattimento, per essere più precisi è il nome di una serie di videogiochi di questo tipo, che riscuote particolarmente successo in Giappone e da cui sono stati anche ricavati un manga e una colonna sonora in CD. La particolarità della serie è data dai moltissimi riferimenti al mondo metal e al suo immaginario, sparsi in tutto il gioco. A cominciare dai nomi dei personaggi: che ne dite di Slayer, Testament e Venom, tanto per citarne alcuni? O di Ky Kiske, omaggio agli Helloween dei tempi che furono e la cui canzone rappresentativa non è altro che una versione rivisitata di ‘Be Quick Or Be Dead’ degli Iron Maiden? Divertitevi a scoprire tutte le citazioni e gli omaggi, più o meno nascosti!
  • Earache: Extreme Metal Racing
    Quando si dice che il nome è tutto un programma: Earache Extreme Metal Racing è esattamente quello che potete aspettarvi, ovvero un gioco di corse automobilistiche, pieno di riferimenti metal e con una colonna sonora (e non solo quella) che propone diversi degli artisti della Earache, storica casa discografica specializzata, appunto, in musica metal. Nel gioco si può scegliere uno tra 10 team, ognuno che rappresenta una band della Earache (dai Deicide ai Morbid Angel, dai Municipal Waste ai nostrani Linea 77). Pur non essendo entrato nella storia dei videgiochi (anzi, alla sua uscita nel 2006 ricevette pareri non proprio lusinghieri), verrà ricordato per essere probabilmente l’unico vero tentativo di partnership instaurato tra mondo dei videogiochi e mondo della musica estrema.

 

  • DOOM
    Se c’è un titolo che non ha bisogno di presentazioni, probabilmente è proprio questo. È il videogame che ha reso celebre il genere sparatutto (FPS, first-person shooter) e che ha fatto la storia per le ambientazioni e la grafica, ma anche perché è stato uno dei primi ad essere giocati soprattutto in rete (all’epoca reti domestiche) e aver consentito l’uso di versioni modificate. Cosa c’è di tanto metal in Doom? Beh, considerato che è stato tacciato fin da subito di avere una grafica eccessivamente violenta (generando un’infinita polemica sulla necessità di far vedere del sangue schizzare per lo schermo) e criticato per avere un immaginario fin troppo ‘satanico’, Doom resta ancora oggi la più credibile versione videoludica di un disco dei Cannibal Corpse.

 

  • Brutal Legend
    Ed eccolo il signore incontrastato di questa classifica, il videogioco così metal che per promuoverlo la Electronic Arts aveva organizzato un evento da Guinness dei primati, con centinaia di fan a fare air guitar al ritmo di ‘Ace Of Spades’ dei Motorhead, oltre a concerti organizzati ad hoc e nientemeno che Jack Black come testimonial (e doppiatore). Si tratta di un mix tra azione e strategia in tempo reale dove impersonerete i panni di un roadie, con la partecipazione come doppiatori di alcune leggende del genere come Lemmy, Ozzy e Rob Halford, tra gli altri e un mondo totalmente ispirato dall’heavy metal – oltre ovviamente ad avere una colonna sonora che si muove sulla stessa linea!

[empart]265078[/empart][empart]295912[/empart]
[empart]229032[/empart][empart]289403[/empart]
[empart]297282[/empart][empart]297532[/empart]