Lifestyle

10 film da rivedere almeno due volte per capirli veramente

Send to Kindle

Le serate cinema sono da sempre tra le mie preferite. Rannicchiata sul divano con copertina, tisana e pop corn d’inverno, o a casa di amici, magari all’aperto in perfetto stile Drive In d’estate. I film sono l’evasione perfetta dopo una giornata di lavoro, lo svago ideale quando sono troppo stanca, la coccola se ho voglia di emozionarmi, o ancora, un vero e proprio tuffo nel regno della fantasia per tornare un po’ bambini (a proposito, siete già andati a vedere Jurassic World?).

Vi è mai capitato di ritrovarvi confusi appena terminata la visione di un film? Ammettiamolo, di tanto in tanto fa piacere vedere uno di quei film che mette in moto il cervello e fa nascere congetture, ipotesi e discussioni con gli amici. I film “cerebrali” sono componenti essenziali di una dieta cinematografica bilanciata, ma alcuni si rivelano essere tanto complessi da necessitare di essere rivisti almeno una seconda volta prima di essere compresi appieno.

Tra tutti, forse questi 10 sono i film più incasinati e contorti da vedere (e rivedere).

MEMENTO, film del 2000 diretto da Christopher Nolan.
Ricordati di non dimenticare.

THE FOUNTAIN, L’ALBERO DELLA VITA, film del 2006 diretto da Darren Aronofsky.
La morte è una malattia come tutte le altre, c’è una cura, una cura… e io la troverò!

L’ESERCITO DELLE 12 SCIMMIE, film del 1995 diretto da Terry Gilliam.
Esperimenti di tortura: tutti quanti siamo scimmie.

2001 ODISSESA NELLO SPAZIO, film del 1968 diretto da Stanley Kubrick.
Utilizzo le mie capacità nel modo più completo, il che, per un’entità cosciente, è il massimo che possa sperare di fare.

VIZIO DI FORMA, film del 2014 diretto da Paul Thomas Anderson.
Ognuno dei due aveva pian piano trovato una diversa corrente karmica e aveva visto l’altro scivolare verso un diverso destino.

FIGHT CLUB, film del 1999 diretto da David Fincher.
Con l’insonnia nulla è reale. Tutto è lontano. Tutto è una copia di una copia di una copia.

THE TREE OF LIFE, film del 2011 diretto da Terrence Malick.
Ci sono due vie per affrontare la vita: la via della natura, e la via della grazia.

8 1/2, film del 1983 diretto da Federico Fellini.
E le capricciose apparizioni di questa ragazza della fonte cosa vorrebbero significare?

MULHOLLAND DRIVE, film del 2001 diretto da David Lynch.
Devo dire che in questo posto vanno tutti piuttosto d’accordo con me, altrimenti non sarebbero qui.

PRIMER, film indipendente del 2004.
Penso che il mio corpo si stia abituando a queste giornate da 36 ore.

Che ne pensate? Quali sono secondo voi i film da rivedere almeno due volte per capirli veramente?