Approfondimenti

Wolverine: tutte le evoluzioni del suo costume

Send to Kindle

A poco meno di un mese dall’uscita nelle sale cinematografiche italiane del terzo capitolo stand-alone dedicato a Wolverine, continua la nostra marcia di avvicinamento a quest’attesa pellicola intitolata semplicemente Logan. In quella che dovrebbe essere l’ultima prova sul grande schermo dell’attore Hugh Jackman nei panni del mutante con gli artigli, il regista James Mangold ci offre l’ennesima rappresentazione di quest’iconico personaggio. Chi ha avuto modo di seguire, infatti, i precedenti film di 20th Century Fox, ha notato come il fascino di Wolverine è legato principalmente al suo passato così misterioso, fascino ereditato dalla controparte cartacea che ha giocato molto su quest’aspetto, snocciolato un po’ alla volta nel corso degli anni.

Sin dalla sua prima apparizione su The Incredible Hulk #180 – in un breve cameo – all’ingresso ufficiale nella squadra di mutanti nota come X-Men – sulle pagine di Giant-Sized X-Men # 1 del 1975 – Wolverine ha subito tante modifiche, sia narrative che d’immagine, che hanno caratterizzato le diverse fasi della vita editoriale del canadese. Una delle più recenti, offerta da Mark Millar e Steve McNiven nello story arc Vecchio Logan, è stata fondamentale per la scrittura di Logan, ambientato nel 2029, un’epoca in cui gli X-Men non esistono più e le nascite dei mutanti sono drasticamente calate. In questo scenario Logan è invecchiato, a causa anche della perdita progressiva del suo fattore rigenerante, mentre il suo amico e mentore Charles Xavier – il più potente telepate della terra – ha perso i suoi poteri per l’Alzheimer. Qualcosa, però, spinge Logan a tornare in azione, spalleggiato dalla giovane Laura Kinney (Dafne Keen).

Di seguito l’ultimo spot diffuso durante il Superbowl LI.


In questo nuovo appuntamento verso l’uscita nelle sale – il prossimo 3 marzo – di Logan, ci lanciamo in una retrospettiva di tutti i diversi costumi indossati da Wolverine, partendo dal concepimento del personaggio a opera di Len Wein e Herb Trimpe, per giungere poi alle più recenti incarnazioni.

Prima apparizione: Incredible Hulk #181 (1974)

La prima apparizione sulle pagine dell’Incredibile Hulk ci regala un costume che già richiama il classico costume giallo e blu. La differenza principale è da rintracciare nella maschera, che presenta dei “baffetti” intorno alla bocca che rimarcano un aspetto più felino del personaggio.


Il costume classicoGiant-Size X-Men #1 (1975)

Sulle pagine dell’albo che dà il via all’avventura degli Uomini X, Wolverine indossa la versione classica del costume, che ancora oggi accompagna il mutante canadese nelle sue avventure. Paradossalmente, in quest’uniforme Logan non è mai apparso in alcune delle pellicole dedicate agli X-Men.


Il costume rosso e marroneUncanny X-Men #139 (1980)

Il character design ideato da John Byrne, utilizza tonalità nuove, di marronne e rosso, senza spalline né strisce. Viene utilizzato da Logan fino al 1991.


Giorni di un futuro passatoUncanny X-Men #141 (1981)

In questa storia ambientata in un futuro dispotico Wolverine è invecchiato, e indossa un lupetto con una giacca di pelle.


Arma XMarvel Comics Presents #72 (1991)

Nella miniserie che ha svelato un periodo del passato del nostro eroe, in cui scopriamo come Wolverine si sia procurato il suo scheletro di adamantio, lo ritroviamo in questa versione con casco.


Uniforme d’allenamento X-MenUncanny X-Men #275 (1991)

La tuta d’allenamento del Team X. Un periodo particolarmente felice per gli X-Men, che in quegli anni conquisteranno il grande pubblico.


L’era di ApocalisseX-Men: Alpha (1995)

In questo futuro dominato da Apocalisse – nato da un errore commesso dal figlio di Charlase Xavier, Legion – il costume è nero e rosso, presenta i soliti graffi, sebbene la modifica più importante non sia nel design quanto nella mano sinistra amputata.


Il Selvaggio Wolverine: Wolverine Vol. 2 #100 (1996)

Magneto è riuscito a strappargli via l’adamantio della scheletro, e Wolverine è sopravvissuto solo grazie al suo fattore rigenerante. Una versione animalesca e brutale, enfatizzata dalle basette lunghissime e una bandana.


Pelle neraNew X-Men #114 (2001)

Una versione decisamente più “cafona”, quella che appare per la prima volta in New X-Men: giacca di pelle nera aperta su un petto decisamente villoso, capello corto, senza maschera e con guanti griffati da una “X”.


 

Zombie Wolverine: Ultimate Fantastic Four #21 (2005)

Non poteva mancare la versione alternativa degli eroi Marvel, riletti in chiave zombie. Sebbene dotato di un fattore rigenerante, Wolverine non scampa all’infezione che lo trasforma in un essere affamato e alla continua ricerca di carne fresca!


X-ForceX-Force Vol. 3, #1 (2008)

Nuovo costume nero e argento, con gli occhi luminosi rossi. X-Force è pronto a entrare in azione, con un Wolverine nella sua versione più cool!


Vecchio Logan: Wolverine Vol. 3 #67 (2008)

Il ciclo di storie che ha ispirato il nuovo capitolo cinematografico di Logan. Nell’attuale universo narrativo è questa la versione di Wolverine che i lettori Marvel stanno apprezzando. Oltre a una donna che ha raccolta la sua eredità…


Wolverine in armaturaWolverine #1 (2013)

Un nuovo inizio per Wolverine che nel 2013 torna privo del suo fattore rigenerante (idea ripresa anche nella pellicola Wolverine: L’immortale, dello stesso anno). Per evitare che i suoi avversari possano approfittare di questa condizione di vulnerabilità, il canadese indossa un costume che è anche un’armatura, che modifica l’outfit. Questa versione non avrà vita lunga, come chi la indossa.


Tutto il materiale legato a Wolverine e agli X-Men su EMP Mailorder Italia.

[empart]328139[/empart]

Salva