Approfondimenti

30 years of EMP: history flashback 1992-1994

30 years of EMP: history flashback
Send to Kindle

Wow, quasi non riusciamo a crederci! Questo autunno, precisamente il 27 novembre, EMP compie 30 anni! Trenta. 3 e 0. Pazzesco, vero? Tranquilli, non siamo caduti in piena crisi di identità, ma guardiamo alle ultime tre decadi con grande orgoglio. 30 anni in cui EMP è passata dall’essere un catalogo di poche pagine a leader europeo tra i rivenditori di merchandise musicale ed entertainment. Fino al nostro compleanno ufficiale in novembre, abbiamo pensato di raccontarvi i nostri 30 anni con 10 articoli blog dedicati, ripercorrendo la nostra storia, l’evoluzione del mondo Metal e del resto di questo nostro fantastico mondo! Pronti a iniziare? Ecco a voi il triennio 1992/1994!

1992

La copertina del catalogo EMP nell’estate del 1992 vede protagonista  la band thrash tedesca dei Tankard con la cover dell’album “Stone Cold Sober“. Eccola:
cover catalogo 1992

Nel 1992 vennero formate band come Edguy, Lordi, Machine Head e Moonspell, gruppi tutt’oggi attivi. Tra gli album, ricordiamo la pubblicazione di  “Dirt” degli Alice in Chains,  “Somewhere Far Beyond” dei Blind Guardian,  “Body Count” dei Body Count,  “The IVth Crusade” dei Bolt Thrower,  “Keep the Faith” dei Bon Jovi,  “Legion” dei Deicide,  “Angel Dust” dei Faith No More,  “Fear of the Dark” degli Iron Maiden,  “Blues for the Red Sun” dei Kyuss,  “Countdown to Extinction” dei Megadeth,  “Psalm 69” dei Ministry,  “The End Complete” degli Obituary,  “Vulgar Display of Power” dei Pantera,  “Rage Against the Machine” dei Rage Against the Machine,  “Stone Cold Sober” dei Tankard, “Clouds” dei Tiamat e “Shadows in the Deep” degli Unleashed. Un anno a dir poco fantastico per il Metal, vero?

Lo stesso può dirsi del cinema, con le sale invase da diversi cult. “Le Iene” di Tarantino, “Braindead” di Peter Jackson, “Batman Returns” di Tim Burton, “L’armata delle tenebre“, “Aladdin” della Disney, “Fusi di testa” e “Basic Instinct“! Gli appassionati di videogiochi ricorderanno l’uscita di “Super Mario Land 2: 6 Golden Coins” per il Game Boy e la nascita del supercriminale Wario!

1993

La band britannica Skyclad, che aveva appena pubblicato l’album “Jonah’s Ark“, e avrebbe poi avuto una grande influenza sul futuro del Folk Metal, guadagna la copertina del catalogo EMP dei primi mesi del 1993. “Thinking Allowed” fu un grande successo e lo è ancora oggi! La cover del catalogo EMP si presentava così:

cover catalogo 1993

EMP raggiunto un importante traguardo e si trasferisce in una vera e propria location privata di 320 metri quadri con un magazzino di 1000 metri quadri. Nell’autunno dello stesso anno esce un nuovo catalogo, con la copertina dedicata al terzo album degli Unleashed intitolato “Across The Open Sea“.

cover catalogo 1993

Nel 1993 vengono fondate band del calibro di Children Of Bodom, Dark Funeral, Dimmu Borgir, HammerFall, Korn e Theatre Of Tragedy. Sul mercato escono “Heartwork” dei Carcass, “Skydancer” dei Dark Tranquillity,  “Wolverine Blues” degli Entombed,  “Dance of December Souls” dei Katatonia,  “Covenant” dei Morbid Angel, “Turn Loose The Swans” dei My Dying Bride, “Dark Medieval Times” dei Satyricon, “Edge of Thorns” dei Savatage, “Chaos A.D.” dei Sepultura e “Undertow” dei Tool.

Al cinema escono “Schindler’s List“, “Jurassic Park“, “Nightmare Before Christmas“, “Groundhog Day” e “Philadelphia“, giusto per citarne alcuni. Nello stesso anno viene presentato il videogioco “Doom“, diventato poi una pietra miliare nella storia degli shooter.

1994

Sulla copertina del catalogo estivo EMP ci sono i Grave Digger con il loro “Symphony Of Death“:

cover catalogo 1994

La famiglia del Metal si allarga con la nascita di band come Hatebreed, Lacuna Coil, Six Feet Under e Strapping Young Lad. Lo stesso anno è quello di fondazione di una delle band tedesche più famose al mondo: i Rammstein.

I nuovi album vedono  “Tales from the Thousand Lakes” degli Amorphis, “The Bleeding” dei Cannibal Corpse, “The Principle of Evil Made Flesh” dei Cradle of Filth, “Awake” dei Dream Theater,  “In the Nightside Eclipse” degli Emperor, “Lunar Strain” degli In Flames, “Korn” dei Korn, “Burn My Eyes” dei Machine Head, “Portrait of an American Family” di Marilyn Manson, “The Downward Spiral” dei Nine Inch Nails, “Far Beyond Driven” dei Pantera, “Superunknown” dei Soundgarden e  “Wildhoney” dei Tiamat.

Del 1994 sono pellicole come “Pulp Fiction“, “Le ali della libertà“, “Léon“, “Forrest Gump“, “Il re leone“, “Assassini nati“, “Speed” e “Il Corvo“. Sul fronte videogames, grande successo ebbe “Wing Commander III: Heart of the Tiger“.

Il secondo catalogo di quell’anno vede in copertina “Wildhoney” dei Tiamat accanto a “Ceremony Of Opposites” dei Samael.

cover catalogo 1994

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva